titolo

sabato, 18 novembre 2017

Zero-Zero Beppe e la New Age 2

di Alessandro Perissinotto
pubblicato il 10 luglio 2005

Scusatemi se sono ripetitivo, ma è colpa del nostro caro amico Beppe Monticone, che da quando ha iniziato l'inchiesta sulla New Age, non riesce più a parlarmi d'altro. Io vorrei scrivere di missioni segrete, di sparatorie, di inseguimenti a bordo del suo Ciao Piaggio del l969, ma lui continua a raccontarmi le cose che ha letto nel famoso libro sulla New Age1 e io, sinceramente, non me la sento di privare i lettori di quelle favolose perle di saggezza. Il difficile è solo scegliere i passaggi più esilaranti. Ad esempio, nel capitolo intitolato «Cambiamenti radicali» l'autore scrive (p. 193): «Diversi anni fa, una mia studentessa, una brava laureanda in psicologia con scarsa conoscenza della New Age, decise di partire un week-end per partecipare a un seminario di Rebirthing (Rigenerazione). Tornò indietro convinta di essere fisicamente immortale. Non è una convinzione facile da acquisire». Lo credo che non è facile da acquisire, buttatevi sotto un treno, poi vediamo se siete fisicamente immortali.

Nel capitolo «La New Age e l'India» si parla di Sai Baba, santone molto noto anche da noi, e si dice che in uno dei templi che si ispirano alla sua dottrina campeggia sul muro la scritta (p. 133): «Una società giusta e pura. La vita è più preziosa del tempo. Guida con attenzione». E' vero che bisogna guidare con cautela, ma è questa l'antica saggezza orientale che ci apre la Nuova Via? Allora quello che ha inventato i portafoto magnetici da auto con scritto «Non correre papà» è un grande mistico; e quello che scrive le ricette della felicità del tipo «Due etti di pazienza, un pizzico di comprensione, una buona dose di amore¬Ö» è un faro illuminante della filosofia di fine millennio.

E che dire dei consigli per la vita di coppia? «La concezione cognitiva implica che per suscitare l'amore, ciascuno dei partner dovrebbe risultare invitante per l'altro (bella scoperta!). Di conseguenza al vostro prossimo appuntamento bevete tanto caffé, precipitatevi sul luogo dell'appuntamento, o magari fate un incidente. Con qualche fortuna tutto ciò sarà considerato amore» (p. 202). A parte che non si capisce il senso di questi consigli, ma siamo certi che un incidente stradale possa scatenare la passione? Significa che se io e Leonardo Di Caprio ci presentiamo a una stessa ragazza lui con una Ferrari fiammante senza un graffio e io con una vecchia Prinz piena di ammaccature, la ragazza sceglie di uscire con me perché ho fatto tanti incidenti? Ma la cosa più notevole è il capitolo intitolato «Sìi tutto quello che puoi essere... nell'esercito». A pag.111 si legge: «Una proposta sviluppata nel Primo battaglione terrestre contemplava monaci guerrieri con una gamma di abilità parapsicologiche che permettevano loro, per esempio, di abbandonare i propri corpi e di camminare attraverso i muri». Ecco dunque la nuova arma degli americani! Basta con le bombe, d'ora in poi i marines preleveranno il Mìlosevic o il Saddam di turno direttamente nel suo bunker attraverso le pareti di cemento.

Potrei continuare a lungo, ma il mio vicino del piano di sotto è appena entrato in casa mia passando attraverso il pavimento, quindi devo salutarvi, indossare la mia tonaca arancione da bonzo e iniziare con lui la meditazione.2

_________________

1 Paul Heelas, La New Age, Editori Riuniti, Roma 1999

2 Tratto da Torino Sette

 

Articolo visualizzato 1507 volte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica
né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.
Praestigiator è curato da Mariano Tomatis