titolo

mercoledì, 22 novembre 2017

Aggettivi autologici

di mariano tomatis
pubblicato il 28 luglio 2006

L'aggettivo autologico è quello che descrive se stesso correttamente. L'aggettivo "breve" è effettivamente breve. L'aggettivo "italiano" è effettivamente scritto in italiano. "Esasillabico" è più sottile, ma di nuovo autologico. Naturalmente anche "autologico" è autologico. Il paradosso sorgeva nel momento in cui si definiscono gli aggettivi eterologici come quelli che non si descrivono correttamente (ad esempio "lungo" non è certo un aggettivo lungo e neppure "tedesco" è un aggettivo tedesco). L'aggettivo "eterologico" è autologico o eterologico?

Oggi la Camera dei Deputati ha detto "sì" all'indulto; il provvedimento di clemenza era stato proposto da un ministro dal nome chiaramente autologico: Mastella si chiama Clemente.

Ieri sera, invece, durante la cena organizzata per festeggiare il compleanno di mio nonno, mia madre ha ordinato "spaghetti all'arrabbiata". La cameriera li ha portati in tavola per ultimi, dopo aver distribuito primi piatti a tutti gli altri ospiti. Mio zio ha attirato la mia attenzione sull'autologicità di quell'aggettivo: vedendo di essere servita per ultima, mia madre non poteva che essere arrabbiata, e nel nome stesso di quegli spaghetti era inclusa la destinataria del piatto.

Articolo visualizzato 2042 volte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica
né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.
Praestigiator è curato da Mariano Tomatis