titolo

martedì, 17 ottobre 2017

Match-ic!

di mariano tomatis
pubblicato il 8 aprile 2007

La recente lettura di un libro quasi dimenticato tra gli scaffali del passato mi ha offerto tante di quelle idee che ho pensato di "fermarle" in questa pagina, ad uso di chi abbia 20 centesimi da investire in una scatoletta di fiammiferi. Il libro è "Match-ic", del sempre fertile e geniale Martin Gardner.

Risurrezione

Colorando di nero la capocchia di un fiammifero e strofinandolo nella cenere è possibile ottenere l'esatta copia di un fiammifero usato. Fiammiferi così truccati possono essere lasciati tra gli altri in un posacenere e - successivamente - presi in mano con l'intento di risuscitarli...

Fiammifero a sorpresa

Mettete in piedi la scatolina di fiammiferi e infilate verticalmente per un centimetro tra cassetto e contenitore due fiammiferi, uno per lato, in modo che le capocchie si trovino all'esterno. Fate in modo che le due capocchie reggano un terzo fiammifero disposto orizzontalmente; per ottenere questo equilibrio è necessario sforzare un po' verso l'esterno i due fiammiferi verticali. A questo punto accendete un quarto fiammifero e date fuoco al fiammifero orizzontale tra i due: dovete bruciarlo al centro. Chiedete ai presenti se pensano che prenderà fuoco prima il lato con due capocchie o quello con una sola. Ciò che accadrà stupirà tutti: il fiammifero, infatti, schizzerà via spinto dagli altri due senza bruciarli (Il gioco era spiegato già nel numero di Magic del marzo 1902 nella sezione "Diversi diversivi").

Cambio di colore

Per dimostrare che siete in grado di togliere una capocchia da un fiammifero senza danneggiarlo e senza lasciare traccia, tenetene uno con la capocchia (rossa) verso l'alto nella mano sinistra tra pollice da un lato, indice e medio dall'altro. Nel frattempo la mano destra tiene nascosto un secondo fiammifero con la capocchia (blu) rivolta verso il basso, tenuto con le stesse dita in modo che il pubblico non lo veda. Mentre la destra si avvicina alla sinistra con l'intento di staccare la capocchia rossa, i due fiammiferi verranno a trovarsi paralleli e vicini. Fingete di tirare via la capocchia rossa e di non riuscirci. Ripetete di nuovo il movimento, fingendo di nuovo di non riuscirci. Ripetete per la terza volta il movimento, ma quando i due fiammiferi si troveranno vicini, fate in modo che la destra afferri il fiammifero rosso e lo porti via, lasciando nella sinistra il blu con la capocchia verso il basso. Quando la destra si sarà allontanata, sembrerà che siate riusciti a togliere la capocchia - si vedrà infatti il fondo del fiammifero blu che verrà scambiato per la testa del fiammifero rosso cui è stata asportata la capocchia. Con la scusa di buttare via la capocchia appena staccata, mettete la destra in tasca e liberatevi del fiammifero rosso. A questo punto dite che volete spiegare il trucco: in realtà avete semplicemente ruotato il fiammifero scambiando la testa e il fondo. Naturalmente gli spettatori si accorgeranno che qualcosa di magico dev'essere davvero avvenuto, perché nel ruotarlo il fiammifero ha addirittura cambiato colore! Se per caso foste in difficoltà a procurarvi due fiammiferi di colore diverso, potete utilizzarne uno usato che sostituirete con uno nuovo. Naturalmente lo scambio deve avvenire in questa direzione, perché non c'è niente di strano in un fiammifero rosso che diventa nero.

Già acceso!

Per tirar fuori dalla tasca un fiammifero già acceso è sufficiente pizzicarlo in un piccolo pezzo di carta vetrata dal quale verrà estratto. Se volete estrarlo acceso da una scatoletta, fissate sulla parete superiore della stessa un pezzo di carta vetrata; nel tirarlo fuori fate in modo che si vada a strofinare sopra. Se il pezzo di carta viene fissato sopra l'orecchio con un po' di cera è possibile addirittura accenderlo sfregandolo sulla testa!

Accensione automatica

Quando vi capiterà di porgere un fiammifero ad un amico, estraetelo dalla scatola e appoggiate la sua capocchia sulla striscia che serve ad accenderlo. Tenendola schiacciata lì contro con il pollice, porgete l'altra estremità al vostro amico. Non appena farà per prenderlo, la pressione del vostro dito e il suo movimento accenderanno il fiammifero senza procurarvi alcun dolore.

Il fiammifero metallico

Togliete la testa e la punta a un chiodo del diametro di un fiammifero. Dipingetelo di un colore chiaro simile al fiammifero. Tenetelo nascosto in mano mentre vi accendete una sigaretta con un fiammifero autentico. Dopo averlo spento, fate finta di buttarlo per terra, e lasciate cadere invece il chiodo. Tutti scoppieranno a ridere nel sentire il forte rumore del fiammifero di ferro per terra!

Prova di forza

Tenete una mano con il dorso in alto. Appoggiate un fiammifero sulla falange appena sotto l'unghia dell'anulare. Fermate il fiammifero con i polpastrelli del mignolo e del medio della stessa mano. A questo punto, per quanti sforzi facciate, sarà impossibile rompere il fiammifero!

Il fiammifero spiritico

Piegate a metà un fiammifero senza romperlo. Prendete un coltello e fatelo tenere a qualcuno rivolto in avanti con la lama in verticale, come se dovesse tagliare qualcosa. Fategli avvicinare il coltello al piano di un tavolo, e mettete in bilico sulla lama il fiammifero a V capovolta. Le due estremità del fiammifero dovranno trovarsi appoggiate al tavolo, mentre il coltello dovrà essere sollevato e la persona non dovrà appoggiarsi al piano. A meno che la mano della persona sia stabilissima, il fiammifero inizierà a camminare avanti e indietro, guidato dalle vibrazioni della mano che faranno sollevare e abbassare ritmicamente il coltello su e giù.

No light!

Tagliate a metà un fiammifero e ricomponetelo, coprendo la separazione con le due dita con cui lo reggete. Accendetelo e porgetelo a qualcuno acceso. Costui lo afferrerà dall'estremità lontana dalla fiamma. A questo punto portategli via la parte superiore: si ritroverà con un mozzicone spento, e la fiamma l'avrete ancora voi!

Sull'attenti!

Fate un piccolo buco sopra una scatoletta di fiammiferi vicino al cassettino. Infilatevi un fiammifero in modo che ne rimanga fuori soltanto la capocchia. Appena farete scorrere in avanti il cassettino, il fondo di questo spingerà il fiammiferò che si solleverà e uscirà dal buco fino a raggiungere una posizione verticale.

Bacio prolungato

Fate un piccolo buco sopra una scatoletta di fiammiferi e infilatevi un fiammifero verticalmente con la capocchia in alto. Mettete un secondo fiammifero in diagonale appoggiato al primo, in modo che le due capocchie siano a contatto. Ci vorrà un po' di pratica per ottenere questo equilibrio. Con un terzo fiammifero date fuoco al centro del fiammifero in diagonale. Dopo pochi istanti prenderanno fuoco entrambe le cappocchie: questo sarà il "bacio". A un tratto il fiammifero libero comincerà a sollevarsi in aria, ma le due capocchie resteranno a contatto, prolungando il bacio mentre avviene la singolare levitazione.

Sigaretta esplosiva

Colorate un fiammifero di marrone (o utilizzatene uno di quel colore), staccatene la capocchia e nascondetela in punta ad una sigaretta. Quando il malcapitato fumatore cercherà di accenderla sarà testimone di una innocua ma sorprendente fiammata!

Trasformazione della scatoletta

Prendete due scatolette per fiammiferi diverse. Dalla prima ritagliate la faccia superiore (quella con l'immagine) e appoggiatela sulla seconda. Se l'avrete ben sovrapposta, la scatoletta sembrerà assolutamente normale. Coprite per un istante con la mano la scatoletta, e dopo qualche istante allontanate la mano portando via segretamente la copertura: sembrerà che l'immagine si sia trasformata. Ora potete consegnare la scatoletta perché tutti possano constatare che non è minimamente truccata.

Attraverso il collo

Nascondete in bocca un fiammifero con la capocchia rivolta verso la vostra gola e l'altra estremità verso l'esterno. Prendete un altro fiammifero e, tenendolo dalla capocchia, fingete di infilarlo nel collo; esso scorrerà attraverso le dita ma sembrerà infilarsi nella vostra pelle. Contemporaneamente con la lingua spingete fuori il fiammifero che avevate in bocca.

Spento e riacceso

Piegate un fiammifero a 45 gradi, accendetelo e tenetelo con la mano destra in modo che la parte accesa sia in verticale. Tenete nella sinistra un altro fiammifero che accenderete con il fiammifero piegato. Quando entrambi sono accesi, fate ruotare velocemente su se stesso il fiammifero piegato. Questo si spegnerà per via della rotazione. Quando, però, avrà completato la rotazione, si riaccenderà magicamente. Il fumo che sale verso l'altro fiammifero ancora acceso prenderà infatti fuoco e riporterà indietro la fiamma.

Articolo visualizzato 2050 volte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica
né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.
Praestigiator è curato da Mariano Tomatis